27 luglio 2011

Ultimi libri letti ...

L'estate mi da più tempo per dedicarmi alla lettura [soprattutto ora che fa freddo e non sai cosa fare]. Leggere mi rilassa, mi distoglie dai pensieri, m'immerge in altri mondi, facendomi dimenticare per un po' il mio, che da qualche mese mi sta stretto fino a farmi mancare [a volte] il respiro. 
Questi sono gli ultimi 3 libri che ho letto:
  1. "Un viaggio chiamato vita" di Banana Yoshimoto: La Yoshimoto e i suoi viaggi nel mondo. Italia, America latina, Stati Uniti, Europa e i suoi resoconti sulla bellezza che ha toccato con mano, il freddo, il caldo, le terme, la sua esperienza di madre, le difficoltà. Un racconto autobiografico davvero degno di nota. A volte pensi che gli scrittori affermati e conosciuti a livello mondiale si sentano onnipotenti perchè, rispetto ad altri che ci hanno provato con tutte le loro forze, son riusciti ad arrivare dove volevano ... Poi, ti capita di leggere le loro storie e scopri che, molto probabilmente, grazie alla loro sensibilità innata e al loro guardare l'esistenza con occhi diversi, più attenti, scrupolosi, con varie sfumature, soffrono più degli altri e non solo per se stessi, ma per tutto ciò che li circonda.
  2. "Le luci di Settembre" di Carlos Ruiz Zafon: Questo è stato il quinto libro di Zafon che ho letto. Lo stile non differisce molto da quelli passati. Ogni volta che apri un libro che hai desiderato leggere da mesi e mesi, speri sempre di trovare qualcosa di nuovo, però poi, mentre le pagine scorrono, ti rendi conto che non SEMPRE è così, e la lettura allora, un po' ti annoia [nonostante pensi che Zafon sia uno dei migliori scrittori che ci siano]. Comunque questa è una storia che parla di un fabbricante di giocattoli che nasconde un segreto sulla sua ombra. L'ombra che ha venduto quando era bambino per poter arrivare al successo. Questo gli si ritorcerà contro e si ritorcerà contro anche sui vari protagonisti che cadranno vittime di un incubo di cui, solo alla fine riusciranno a salvarsi  e molto faticosamente.
  3. "Bianca come il latte rossa come il sangue" di Alessandro D'Avenia: Il protagonista è Leo. Leo è un sedicenne ossessionato dai colori e da Beatrice, una ragazza dagli splendidi capelli rossi, che però è ammalata e stà per morire. Il suo mondo gira intorno a Lei e a quello che potrebbe fare per cercare di salvarle la vita [cosa che però è alquanto irrealizzabile]. Mi ha ricordato di come a 16 anni anche io mi sentissi invincibile, in grado di conquistare il mondo con la mia sola forza di volontà, quando ancora ero protetta dalle 4 mura chiamate scuola e l'unica cosa a cui dovevo pensare era studiare e non fare nient'altro, se non ascoltare musica, uscire con gli amici, dedicarmi allo sport ...  E' un libro che ho totalmente divorato in 3 giorni da quanto mi ha appassionato, vi consiglio di leggerlo, perchè è davvero entusiasmante e coinvolgente, t'immedesimi nella storia in modo disarmante, perchè ritrovi parole e linguaggi che tu stessa hai usato, soprattutto quando pensi di esser stata la sola a provare certi stati d'animo e poi ti accorgi che tutti passiamo attraverso la fase dell'adolescenza [chi in maniera traumatica, chi meno] e abbiamo, oltre che, paura di crescere, anche l'incertezza di non sapere con precisione cosa diventeremo-faremo-saremo.

19 commenti:

  1. Dei tre ho letto solo "Bianca come il latte rossa come il sangue". Sono stata un giorno intero appiccicata a quelle pagine, te lo giuro. L'ho divorato. Quando l'ho comprato pensavo di trovare una storia leggera, ma leggendolo quella leggerezza non l'ho trovata. Una storia bellissima, tristissima, che mi ha profondamente commosso. Assolutamente si, da leggere.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Ciao francesca!
    Io ho letto l'ultimo dei tre libri. L'ho trovato carino, una bella storia. Credo che l'autore sia stato veramente molto abile a proporre un linguaggio del genere: sembrava scritto proprio da un adolescente (in senso positivo, ovviamente).

    RispondiElimina
  3. Non ho letto nessuno di questi tre libri ma la mia stima è tutta per colui che si chiama banana! :) (scusa la cagata in un post serio)

    RispondiElimina
  4. Anche io mi sto dedicando un sacco alla lettura! :) questi titoli mi affascinano. Voglio leggere quel libro di Banana ..la trama mi ispira parecchio :) che poi..poverina..si chiama Banana, che fa anche ridere, ma come scrittrice mi hanno detto che è molto malinconica!

    RispondiElimina
  5. ah perfetto....è una femmina..non so perchè ma il nome banana l'ho associato ad un nome maschile :) chissà perchè! :D

    RispondiElimina
  6. Non ho letto nessuno di questi tre libri ma tutti mi incuriosiscono molto..rimedierò!

    RispondiElimina
  7. FRU FRU: è vero, hai ragione ... nonostante sia pensante, per gli argomenti che tratta, non è patetico, la lacrimuccia a me un po' m'è scesa, ero talmente colpita dalla bellezza del libro

    CHIARA: è la stessa cosa che ho pensato io, un linguaggio scritto da un adulto, che sa entrare nella testa di un adolescente, mica facile :P

    RispondiElimina
  8. DANI [iiiiiiiiiiii], o mio Dio, mi hai fatto schiantare dal ridere ah ah ah ah non ti preoccupare, da te accetto ogni cosa! cmq si è una LEI ed è giapponese, io l'ho sempre detto che son strani questi orientali, penso che le venga portato rispetto solo perchè è una scrittrice di caratura internazionale. :) smack

    DREAMY MELROSE. si è una scrittrice molto malinconica, però io avendo una personalità malinconica come lei l'adoro, il suo linguaggio è poesia allo stato puro, cmq prima di leggere questo, ti consiglio di leggere altri libri suoi, come "kitchen o sonno profondo" [sono i primi che ha scritto], perchè questa è una sorta di autobiografia scritta attraverso forme di pensieri, mentre gli altri sono proprio romanzi

    RispondiElimina
  9. E.: vedrai che non ne rimarrai delusa :P

    RispondiElimina
  10. io ho letto quello di D'Avenia, l'ho trovato un libro per adolescenti, ma molto bello!

    RispondiElimina
  11. Mi hai incuriosito un sacco sul libro di banana Yoshimoto, lei mi piace, ma questo me lo sono perso.. rimedierò. Invece ho letto "Bianca come il latte, rossa come il sangue" , l'avevo preso appena uscito e anche io ero rimasta folgorata.. mi ha catapultata nella mia vita da adolescente, facendomi riflettere su quanto avessi dentro di me, su quanto siano state importanti le scelte e tutte le vicissitudini di quegli anni. Mi era piaciuto talmente tanto che ho contattato l'autore per ringraziarlo dell'opera così bella che mi(ci) aveva regalato e, incredibile, mi ha anche risposto.. E' stata una bellissima sorpresa!!

    RispondiElimina
  12. Bianca come il latte rossa come il sangue...l'ho preso in mano proprio ieri in libreria ma alla fine ho scelto Un giorno di D. Nicholls!la prossima volta mi sa che me lo porto a casa :D

    RispondiElimina
  13. MICHIVOLO: si davvero molto bello ... :) più che un libro per adolescenti, io invece l'ho trovato alla portata un po' di tutti, alla fine capire gli adolescenti, non è mai facile :)

    TESTADIC: anche io gli ho scritto sulla sua pagina fan ringraziandolo ma a me, ahimè, non ha risposto :(

    BETTIBOH: allora sai già quale sarà il tuo prossimo acquisto :P vedrai che non te ne pentirai :)

    RispondiElimina
  14. Ciao, di questi ho letto solo "Bianca come il latte rossa come il sangue" e l'ho trovato stupendo! Degli altri mi hai fatto venire la curiosità, un giorno (quando finirò la montagna di libri scolastici da leggere per l'estate) ci farò un pensierino! ;)

    RispondiElimina
  15. Il libro di D'Avenia mi ispira un casino... prima o poi lo leggerò! :P

    RispondiElimina
  16. CLAUDIA: prima i libri scolastici e poi il resto :P

    GIULIA: si si, leggilo, ti piacerà un sacco, ne sono sicura

    RispondiElimina
  17. Zafon mi mette l'ansia...

    io in questo periodo consiglio a tutti questo... http://www.qlibri.it/narrativa-straniera/romanzi/ogni-mattina-a-jenin/
    reca in sè ogni emozione e vibrazione possibile, camminando sul filo della storia.

    RispondiElimina
  18. GIORGIO: hai scritto dei libri? bè, spediscimeli e te li recensisco :)

    RispondiElimina