10 agosto 2011

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Jonas Jonasson

Allan Karlsson sta per compiere 100 anni, e nella casa di riposo dove vive, gli stanno organizzando una festa di compleanno. Allan però, non ha nessuna voglia di continuare a stare lì, soprattutto in quel momento, così ha la splendida idea di scappare. Con le pantofole ancora ai piedi,  salta dalla finestra e va via. Non sa precisamente dove, ma quello che gli viene subito in mente è dirigersi alla stazione, prendere un bus e allontanarsi prima che l'infermiera Alice si accorga della sua assenza. Da questo momento in poi, l'anziano signore, s'imbatte in una serie di tipi strani. Alcuni di questi diventano i suoi compagni di avventura, altri invece, hanno la malaugurata sorte di essere uccisi [per sbaglio o perchè se lo meritano]: 
- Un giovane con un giubbotto di pelle con dietro scritto NEVER AGAIN [il nome dell'organizzazione di cui fa parte] a cui Allan, per dispetto al suo essere scortese, gli frega la valigia, dove dentro ci sono un sacco di soldi; Julius, ladro e truffatore, ai suoi occhi davvero simpatico; Benny, titolare di un piccolo chiosco, uomo dalle mille conoscenze; Gunilla, soprannominata "Bella", donna di campagna, un po' grezza che aveva come amica un elefante di nome Sonia etc. etc. etc. 

La polizia, dopo un'iniziale ipotesi di rapimento, si rende conto, andando avanti con gli eventi e le ricerche, che Allan, non solo non è stato vittima di nessun sopruso, ma anche che, molte cose, nella ricostruzione dei fatti non tornano e inoltre nel mezzo, c'erano alcuni soggetti  trovati morti, chissà in quale modo e per colpa di chi ...

Inoltre la cronaca della fuga, si alterna ai resoconti della vita passata del protagonista di questo romanzo. Un'esistenza avventurosa e imprevedibile, dove la sua gioventù si svolge, in uno dei periodi più tormentati e difficili della storia, quello del post-seconda guerra mondiale, che si sussegue con i suoi incontri con Franco, Mao, Stalin, Churcill, altri presidenti americani ... Allan infatti è un esperto di esplosivi, sa costruire la bomba atomica e odia profondamente la politica. Ogni volta che gli capita di trovarsi di fronte a uomini ideologicamente schierati, li aiuta, a patto che gli offrano un buon bicchiere di acquavite e non gli parlino di argomenti che non gli interessano minimamente. 

In Svezia ha venduto più di mezzo milione di copie diventando a tutti gli effetti un best seller. Io l'ho trovato davvero divertente, più vai avanti e più ti chiedi se Allan ci è o ci fa da quanto è ingenuo ...

Comunque vale la pena leggerlo, perchè ti fa conoscere aspetti interessanti sul periodo della guerra fredda, che vengono affrontati in maniera così leggera e poco impegnativa che è piacevole scoprirli in questo modo, e non come sono presentati nei normali volumi-pacco di storia, con tanto di date, eventi, conflitti e nomi esclusivamente da memorizzare, e poi puntualmente non ti ricordi mai.

9 commenti:

  1. perché no? credo che lo leggerò :)

    RispondiElimina
  2. E' nella mia lista di libri da acquistare ;) Un bacione!

    RispondiElimina
  3. l'ho visto giusto ieri in libreria... l'ho sfogliato e ho pensato che fosse un libro giusto da comprare... ma io sono un po' strana per via di libri... non acquisto mai qualcosa che è appena uscito o che fa subito un gran successo con miliardi di copie vendute. Magari lo leggerò... più avanti. Tra qualche anno... quando nessun altro lo leggerà più. I libri hanno un loro tempo per essere letti... e questo lo avrà prima o poi per me! ^__^ molto bella la tua recensione franci!!!! :D

    RispondiElimina
  4. ILCESCO: infatti perchè no? secondo me, ti potrebbe piacere :P

    ANNA: leggere leggere ... :) è spassosissimo

    GIULIA: si è vero, i libri hanno un loro tempo per essere letti, però io, son curiosa per natura, quando è il loro momento, tutti ne parlano e ci penso all'infinito, io li leggo dopo anni, solo se non posso comprarmeli :P

    RispondiElimina
  5. Ottima recensione.Ti auguro una felice serata;salutoni a presto

    RispondiElimina
  6. Ce l'ho in coda da leggere. Sono contenta della tua recensione, perchè me l'ha passato mia madre, che a volte mi passa delle sòle pazzesche, ed ero un po' preoccupata! Allora procedo. ;)

    RispondiElimina
  7. CAVALIERE OSCURO DEL WEB: grazie :P

    LadyBug: non ti preoccupare, non è una sola ... è divertente. Procedi pure tranquillamente, e questa volta, ma solo per questa volta dai fiducia a tua madre ah ah ah :P

    RispondiElimina
  8. Questo libri mi incuriosisce fin dalla copertina!

    RispondiElimina
  9. Ero molto incuriosita dalle recensioni positive del libro, la copertina è molto curiosa. Penso che prima o poi lo leggerò :)

    RispondiElimina