6 agosto 2011

"Il linguaggio segreto dei fiori" di Vanessa Diffenbaugh


Non mi fido, come la lavanda.
Mi difendo, come il rododendro.
Sono sola come la rosa bianca, e ho paura. 
E quando ho paura, lascio che la mia voce siano i fiori. 

Prima di iniziare a leggere un libro, mi piace andare a curiosare quello che c'è scritto nella copertina [sia dentro che fuori]. Nei casi di scrittori stranieri, solitamente, ci sono i commenti, composti da frasi brevi, dei vari giornali che l'hanno recensito. A quanto pare, questo romanzo è stato considerato il più atteso del 2011. Un vero e proprio caso editoriale, dove appunto, le varie case editrici del mondo hanno innescato una guerra all'ultimo colpo per accaparrarsi i diritti di pubblicazione. Dentro di me, ho subito pensato: - wow, come può, un libro, ancor prima di essere distribuito, scatenare così tanto "scompiglio"? Lo devo assolutamente scoprire ...

La trama, vede come protagonista principale Victoria, una ragazza molto difficile, dal passato pesante, che ha quasi sempre vissuto in riformatori, escludendo alcune brevi esperienze di affidamento andate male, o la convivenza con Elizabeth, che per un momento soltanto, le aveva fatto credere, che qualcuno al mondo, ci tenesse veramente a lei. La sua madre adottiva, amava i fiori, abitava in campagna e ogni autunno raccoglieva l'uva. La ragazza infatti, grazie a lei, aveva imparato a conoscere e apprezzare i fiori in modo smisurato. Ogni fiore aveva un significato, questo voleva dire, che quando ne regalavi uno a qualcuno, dovevi stare attenta a quello che sceglievi [per farti perdonare, per un amore stabile e duraturo, per far ritornare la passione di un tempo alla persona che amavi]. Insomma, al compimento dei suoi 18 anni, per Victoria inizia una nuova vita, quella di adulta ... Doveva quindi cercarsi un lavoro che le permettesse di pagarsi l'affitto, mangiare e autogestirsi senza l'aiuto di nessuno, compreso quello dell'assistente sociale che l'aveva seguita nei suoi passi fino ad adesso. I primi tempi, si ritrova a fare la barbona, a dormire in un parco, senza avere soldi per mangiare o un posto per lavarsi. Un giorno però, incontra una donna, che le darà la possibilità di lavorare proprio con ciò che più amava al mondo, "s'innamorerà" di un ragazzo, si affermerà nella sua professione e la sua esistenza prenderà una piega diversa e inaspettata ...

Non scendo troppo nei particolari, per non togliervi il gusto di scoprire da soli, pagina per pagina, tutta la bellezza di questa storia così struggente, triste, emotivamente forte e che ho amato dall'inizio alla fine. Mi ha coinvolto così tanto da finirlo in pochi giorni ... e non è da me, visto che io sono poco amante dei fiori in generale [ho pure costretto mio padre a non regalarci mimose per la festa della donna, puzzano e mi fanno venire il mal di testa]. Però, mi ha colpito il fatto che questi nascondessero e portassero con sé, dei significati ben precisi [inoltre alla fine del libro, potrete trovare il dizionario con le spiegazioni su ciò che vogliono dire], quindi son sicura, che d'ora in poi, quando mi capiterà davanti agli occhi, un'orchidea, una rosa, un girasole, una margherita ... li guarderò con occhi diversi e penserò a Victoria.

ASSOLUTAMENTE DA LEGGERE.

13 commenti:

  1. Certo che le tue recensioni mettono una curiosità!

    Aspetto con ansia la versione per l'EBook,
    (non compro più libri, una vecchia diatriba tra me e me!) Ma mi sa che dovrò aspettare ancora molto! Speriamo che le case editrici e Amazon chiudano in fretta questo accordo!
    Per ora me lo segno!

    In bacio e grazie della segnalazione!
    :-)

    RispondiElimina
  2. Questo libro lo devo proprio leggere! Anche io amo molto i fiori e la trama che hai raccontato mi ha molto incuriosita.

    RispondiElimina
  3. Una mia amica stava leggendo questo libro ed era super entuasiasta. Ne parlano tutti bene, te compresa.
    Ci farò sicuramente un pensierino!

    RispondiElimina
  4. condivido in pieno il tuo giudizio. Quando l'ho iniziato ero un po' timorosa, pensavo di rimanerne delusa e invece l'ho amato tantissimo!

    RispondiElimina
  5. ne ho sentito parlare molto, mi fido della tua opinione, lo vado a comprare :)

    RispondiElimina
  6. Dopo aver letto una tua entusiastica recensione, ho ordinato 'Kitchen' di Banana Yoshimoto e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa.
    Quindi mi fido anche questa volta e cercherò di trovare un po' di tempo per leggere anche questo!

    RispondiElimina
  7. SARA: se un libro, ha il potere di appassionarmi così tanto, cerco di trasmetterlo agli altri, convincendoli del fatto, che comprandolo, non se ne pentirebbero :P Io son contro gli e-book :P

    CAROLINA: se ami i fiori allora ti piacerà sicuramente

    CHIARA: allora un pensierino faccelo, son soldi spesi bene :)

    NICKY: anche io inizialmente ero timorosa, poi l'ho amato in modo smisurato. sai che la scrittrice, stà già pensando a un secondo romanzo? speriamo esca presto

    QUEEN B: vedrai, sarà una bella sorpresa ... non ne rimarrai delusa :)

    VERONICA: o mio dio, davvero? mi fa piacere ... :) voglio sapere se poi ti è piaciuto anche questo

    RispondiElimina
  8. Ciao Franciiiiiii!!! :) questo libro mi incuriosisce da matti... lo metto nella mia lista di libri da prendere! :P son tornata è... questa volta si!!!!! :) baciiiii!

    RispondiElimina
  9. Sai che l'ho visto da poco in una libreria e mi sono detta "lo devo leggere" :) ora, dopo aver letto di questo libro anche qua, me lo devo procurare!!

    RispondiElimina
  10. GIULIA: oh che bello rileggerti :P bentornata :)

    DREAMY MELROSE: vedrai non ne rimarrai delusa

    RispondiElimina
  11. Ciao Francesca, piacere Sara .. A proposito del libro, io l'ho appena comprato incuriosita dalla trama, è ancora confezionato perchè sto finendo di leggere uno di Andrea De Carlo .. ma spero di iniziarlo presto ..

    RispondiElimina