28 dicembre 2011

Ho il tuo numero di Sophie Kinsella

Cosa faccio senza il mio telefonino?
come faccio a funzionare?
Il mio unico impulso è mandare un sms a qualcuno e scrivere: "oh mio dio! ho perso il telefonino!", ma come posso farlo senza uno stramaledetto telefonino? il cellulare è tutto per me. I miei amici. La mia famiglia. Il mio lavoro. Il mio mondo. Tutto.

La protagonista di questa storia si chiama Poppy Wyatt e di mestiere fa la fisioterapista. A un certo punto, mentre sta festeggiando con delle amiche la sua festa di addio al nubilato in un albergo di lusso, suona la sirena antincendio. Tutto sotto controllo, è un falso allarme. Per sicurezza però, le fanno sgomberare la sala. Le ragazze invitate si stavano provando a turno il suo superfantastico anello di fidanzamento regalatogli dal suo meraviglioso fidanzato conosciuto solo pochi mesi prima [Magnus, docente universitario]. Poppy, in preda alla disperazione e al panico più totale lo cerca ovunque, ma questo non si trova. Dopo aver provato a fare inutilmente mente locale e non essere arrivata a nessuna conclusione, decide di uscire fuori e chiamare tutte le persone che erano state con lei, per chiedergli se per caso lo avevano preso per sbaglio. Ma uno che stava passando in bicicletta, le ruba il telefono! [tragedia] Disperata-sconsolata-atterrita e più sfigata che mai ritorna dentro e mentre sta passeggiando nervosamente per la hall dell'albergo, come per magia sente squillare qualcosa da dentro un cestino [con la suoneria di Beyonce Single Ladies] ... [miracolo]. Senza farsi troppe domande e dopo essersi resa conto di cos'era e dell'incredibile colpo di fortuna lo raccoglie e se ne impossessa! Da qui iniziano i problemi veri e propri. Il cellulare in questione, in realtà è un aziendale. Infatti il suo proprietario, un certo Sam Roxton della White Globe Consulting Group lo ri-vuole indietro assolutamente, accusandola inoltre che non può prendere, senza far finta di nulla, qualcosa che non gli appartiene, nonostante la sua segretaria se ne fosse liberata in quel modo. Lei non può restituirlo, è una questione di vita perché ha lasciato il numero a quasi tutto lo staff dell'albergo e se l'avessero cercata doveva essere reperibile. Insomma, alla fine riescono a raggiungere un compromesso, Poppy lo avrebbe tenuto fino a quando non avesse ritrovato l'anello a patto che gli inviasse tutte le mail di lavoro che riceveva. Da quel momento in poi la storia prende delle pieghe inaspettate. Preferisco non andare oltre per non togliervi il gusto della sorpresa.

Lo reputo uno dei miglior libri scritti dalla Kinsella. Divertente, ironico, spietato. Mi son ritrovata a ridere da sola come non succedeva da tempo. L'adoro perchè non è la solita scrittrice sdolcinata. E' realista. Gioca con i personaggi come se facessero parte di una commedia tragicomica molto reale. Le sue parole t'insegnano a prenderti poco sul serio e a trovare sempre una soluzione agli imprevisti quotidiani. Crede nell'amore ma lo fa viaggiando con i piedi per terra [anche se, a priori, i viaggi mentali sono la specialità di noi donne]. Ci sarà un finale col botto, quello che ti aspetti di leggere, ma senza nessuna promessa eterna da FAVOLA [in puro stile di vita di tutti i giorni].

14 commenti:

  1. mmm,non è esattamente il mio genere, ma dalla tua recensione sembra irresistibile...

    RispondiElimina
  2. REDAZIONE: a me piaceva così tanto che c'ho messo solo 2 giorni per leggerlo!

    RispondiElimina
  3. ECONOMISTAPERCASO: si si è irresistibile in tutti i sensi! :)

    RispondiElimina
  4. Non ho ancora letto nulla della Kinsella ma a questo punto mi tocca farlo :-))))

    RispondiElimina
  5. MARIA: chi lo sa, magari ti piace :P secondo me ne vale la pena! smack

    RispondiElimina
  6. carino il tuo blog :) e sembra carino anche questo libro! gli altri di kinsella li ho letti tutti quando ero incinta!

    RispondiElimina
  7. SABINA: grazie! :) si è carino, te lo consiglio, uno dei migliori della Kinsella :)

    RispondiElimina
  8. L'ho sto leggendo ora.. ti saprò dire!
    Fino ad ora ho letto tutti i suoi libri e li ho trovati bellissimi!
    Un bacione!
    :-)

    RispondiElimina
  9. SARA: brava ... poi dimmi se ti è piaciuto anche questo :P smack

    RispondiElimina
  10. buon anno anche a te squilibrato :P se ti va puoi chiamarmi Francesca, Contorsionista mi fa strano :P

    RispondiElimina
  11. Ok, Francesca. Se ti va puoi chiamarmi Squilibrato, Matteo mi fa sentire normale. :)

    RispondiElimina
  12. ah ah ah ... anche a me piace un sacco squilibrato :P è originale :)

    RispondiElimina