3 marzo 2012

Il profumo delle foglie di limone di Clara Sanchez

Avevo già sentito parlare di questo libro su internet ... Quindi ancor prima di iniziare a leggerlo sembrava, a detta di molti e alla fine anche mia [mi son lasciata convincere] un successo preannunciato. Inoltre, mi è stato regalato per il mio compleanno, e allora perchè lasciarlo lì, a prendere polvere sulla libreria e creare dispiacere nei confronti di chi, nel momento che lo ha comprato, ha pensato potesse piacermi?

Questa storia viene raccontata secondo il punto di vista dei due personaggi principali: Julian, ormai ottantenne, reduce da un passato doloroso che non riusciva, non poteva e non voleva dimenticare. Quando era giovane, insieme al suo amico Salva, era stato internato in un campo di concentramento. Un giorno ricevette, proprio dal suo amico, una lettera con le sue ultime scoperte. Il suo compagno di disavventure infatti, finita la guerra, aveva passato il resto dei suoi giorni a dar la caccia ai nazisti che continuavano a essere liberi, senza aver ricevuto condanne o punizioni per la cattiveria delle loro azioni. Julian allora decise di volare in Spagna per portare a termine le ricerche del suo amico, che a quanto pare era morto.

E poi c'è Sandra, una ragazza incinta, fuggita dalla famiglia, dall'uomo con il quale aveva una storia, dal suo mondo, per trovare un senso a quello che stava passando, fare chiarezza nella sua testa e decidere cosa voleva fare di se stessa una volta per tutte. Un giorno, mentre era in spiaggia, le viene la nausea e inizia a vomitare, allora una coppia di vecchietti che erano lì, Fred e Karin l'aiutano ... Tra loro nasce un'amicizia e alla fine, per sentirsi meno sola, si trasferirà da loro.

Le vite di questi due s'incroceranno nel momento esatto in cui Julian cerca di conoscerla per metterla in guardia da quelle persone che erano esattamente l'opposto di quel che si facevano credere: Assassini mascherati da qualcuno di assolutamente normale e che avevano vissuto un'esistenza normale. Sandra, dopo un'iniziale titubanza, si ricrede e decide di aiutare l'anziano nella sua missione. Ma presto entrambi si renderanno conto di trovarsi di fronte a qualcosa di molto più grande di loro [una confraternita]: Julian perchè ormai era privo di forze e Sandra perchè stava aspettando un bambino e non voleva mettere a repentaglio la sua incolumità.

La trama di per se è davvero interessante, il tema trattato è reale, fa parte della nostra storia. E' qualcosa che tutti in un modo o nell'altro abbiamo conosciuto e studiato. Non so cosa mi aspettassi realmente, forse un thriller, forse un dinamismo maggiore, forse un ritmo più incalzante. Vuoi che i cattivi muoiano e invece continuano ad agire indisturbati e senza nessuna giustizia che trionfa. Anche perchè, quando sei reduce e ti porti addosso un passato simile, ciò che vuoi è solo vendetta [almeno credo]. Il perdono non esiste. Riflettendoci sopra però, è anche vero che quando arrivi a una certa età, probabilmente la stanchezza è tanta, non hai più voglia di lottare contro i fantasmi e sei anche pronto a perdonare i tuoi nemici-aguzzini. Sarà anche che certi eventi nonostante siano passati tutti questi anni, ancora non sei disposto ad accettarli e probabilmente fanno parte di quelle cose che non accetterai mai.

Vale comunque la pena leggerlo.

9 commenti:

  1. Lo avevo iniziato un pò di tempo fa, avendo ricevuto l'ebook in spagnolo e io adoro leggere in lingua...ma non mi prendeva, forse era il periodo sbagliato...infatti voglio riprenderlo...e speriamo bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. acccc ... già è peso come libro, in lingua originale è un'impresa ardua :)

      Elimina
  2. Si, vabbè, ma che insomma!
    Ciao Francesca!

    RispondiElimina
  3. mia mamma mi ha detto che grazioso.. è nella lista dei libri da leggere! bellissima recensione cmq! p.s.ti aspetto da me per un commentino al mio ultimo post! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è decisamente grazioso ma anche tosto :)
      appena posso passo :)

      Elimina
  4. L'ho letto l'anno scorso, ne avevo sentito parlare e mi sono decisa a comprarlo. Tuttavia le aspettative non sono state riappagate a pieno, l'ho trovato un libro difficle, forse per la storia e i sentimenti che racconta. Non è stato facile leggerlo, ma sono comunque contenta di averlo iniziato e finito. So che da poco è uscito un nuovo romanzo della Sanchez, chissà che non annusi anche quelle pagine!
    Comunque complimenti per la recensione!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ... :)

      ma lo sai che io la penso esattamente come te? mi ritengo anche io soddisfatta nel non averlo smollato a metà. l'ho scoperto l'altro giorno che sta uscendo il libro nuovo, però non credo che lo comprerò, a meno che non me lo regalino :)

      Elimina
  5. Vorrei sapere come ottenere i libri! Grazie
    mdelcmontoya@gmail.com

    RispondiElimina