3 luglio 2012

Momenti di trascurabile felicità di Francesco Piccolo

Momenti di Trascurabile felicità
Francesco Piccolo
€ 12,50
ISBN 9788806205515



Possono esistere felicità trascurabili? E allora come chiamare quei piaceri intensi e volatili che punteggiano le nostre giornate, accendendone i minuti come fiammiferi nel buio? Per folgorazioni e racconti, staffilate e storie, Francesco Piccolo compone un suo perfido e irresistibile catalogo dell'allegria di vivere. [Einaudi Editore] 


Settimana scorsa, ho deciso di concedermi un regalo [anzi più di uno, in realtà]: Mi son comprata 4 libri. Se i primi 3 li ho messi nel carrello a occhi chiusi, sul quarto ho avuto dei dubbi atroci. Allora ho iniziato a sbirciare su vari siti alla ricerca di qualcosa che catturasse la mia attenzione e mi entusiasmasse al punto da pensare che lo avrei voluto leggere ABSOLUTELYIl prescelto è proprio questo. Ho trovato recensioni entusiaste, nessuna critica, molti elogi ... Quando leggi il titolo, la prima cosa che pensi è chissà se l'autore in questione ha scoperto cosa sia la felicità e qual'è il modo per esserlo. In realtà NO, niente di tutto questo ... nel senso che, qui non si parla della felicità in generale [meglio così, ho sempre odiato chi te lo vuole spiegare, o vuole anche solo provarci] , ma ti ritrovi di fronte a una lista delle cose che lo rendono o lo hanno reso felice, sia nella quotidianità, che nei rapporti con l'altro sesso, o di lavoro con una tale ironia, originalità, acutezza che, anche quando ti verrebbe da dire "Acc ... che perfido, che malefico, che ... etc.etc.etc." sai che alla fine, pure tu, non sei tanto diverso. Solo che lui ha avuto il coraggio, prima di farlo e poi di scriverlo.

E siccome, secondo me la felicità può essere ovunque, basta volerla, mi è venuta in mente la malsana idea, di stilare anche io, seguendo proprio lo stile dello scrittore, i miei momenti di trascurabile felicità:

  • alzarmi la mattina con molta lentezza, prepararmi il caffè e essere consapevole che ho ancora tutta la giornata davanti; guardarmi allo specchio e trovarmi bella; l'attimo che precede un bacio; ricambiare sguardi e sorrisi; essere di buon'umore; quando un ragazzo conosciuto per caso, fa di tutto per rincontrarti, perfino chiedere il numero di cellulare alle tue amiche; girovagare, le notti d'estate con la macchina per strade deserte; passeggiare sulla spiaggia quando la gente sta piegando gli asciugamani per tornarsene a casa; uscire dalla sala del cinema e pensare che un film così bello non lo rivedrai mai più in tutta la tua vita; trovare la sintonia perfetta con qualcuno; farsi la ceretta dopo svariati mesi; credere nel destino, cioè che tutto ciò che hai fatto, l'hai fatto perchè aveva un senso; andare a un concerto che aspettavi da mesi e la malinconia che ti crea il post-concerto; leggere un libro che hanno letto tutti e invece che elogiarlo, trovargli difetti ovunque scatenando critiche senza fine; quando all'esame di maturità, il mio professore di lettere, dopo aver letto il mio tema di nascosto dalla commissione mi ha detto che in fondo in fondo sapevo scrivere bene; l'Italia campione del mondo ai mondiali; quando i miei sforzi non sono stati vani; partire due mesi per andare a vivere a Riccione da sola a lavorare; trovare parcheggio prima di subito; bere un bicchiere di Coca Cola gelato quando fuori ci sono 40 gradi; quando qualcuno torna a casa e mi dice che mi ha fatto un regalo, rientrare in casa e trovare il mio cane dietro la porta pronto a saltarmi addosso per salutarmi ...
E adesso rigiro la domanda a voi: Quali sono stati i vostri "momenti di trascurabile felicità"?

3 commenti:

  1. Anche io avevo sentito parlare molto bene di questo libro...in effetti la felicità è fatta di tanti trascurabili momenti...i miei sono tanti e tra questi adoro camminare di notte, di ritorno da una bella serata in compagnia, per la città, con le strade deserte e te che ti senti quasi regina della città...fatto settimana scorsa dopo tanto tempo, mi sono sentita felice come una bimba...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooooohhhh ma che belli i tuoi momenti di trascurabile felicità ;)

      Elimina
  2. Ho letto questo libro mesi fa e l'ho trovato meraviglioso nella sua semplicità. Ho momenti di trascurabile felicità da vendere, ma quelli che più mi rappresentano sono: sfogliare le pagine di un libro e sentirne il profumo, camminare sulla spiaggia e sentire i granelli di sabbia tra le dita, canticchiare con l'iPod nelle orecchie mentre sono in treno e guardo dal finestrino persa tra i miei mille pensieri, prepararmi pensando che dopo poco sarà lì e lo vedrò, scrivere a penna su un foglio bianco, i brividi e il buco nello stomaco ogni volta che guardi quella persona negli occhi, i giri in vespa nelle sere estive... per ora mi fermo, mi sembra il caso!
    Buona giornata. Laura.

    RispondiElimina