17 settembre 2012

Volo per te di Maria Mancusi [recensione]

VOLO PER TE
 di 
MARIA MANCUSI

«[...] C'è solo una cosa che capita davvero a tutti, quando lo si trova: si vede volare un gabbiano. È il segnale che si è arrivati al proprio tesoro. [...] Quando, da grande, vedrai il tuo gabbiano, osservalo bene, perché, ti prometto, sarò io a sfrecciarti davanti e a indicarti come usare le tue ali».

Dopo quindici anni di assenza, Bruno decide di ritornare nel suo paese  d'origine, teatro di un evento che lo ha segnato.
La morte della sorella Martina, appena diciottenne, provoca una crisi profonda nel protagonista, il quale cerca in ogni modo di far rivivere in lui l'amata sorella, mettendo addirittura a tacere il suo vero io.
Cresce il suo amore per la musica, ma convinto di poter far felici i genitori abbracciando quelle che erano le ambizioni di Martina, opta per la carriera di medico, lasciando in disparte la sua più grande passione.
L'incontro con Assia, donna che sposerà, non riesce a placare il suo senso di vuoto e inadeguatezza; la fuga dalle sue origini colpisce anche lei, abbandonata, ma sempre legata a lui.
Il ritorno di Bruno porta a una doppia svolta: nel rapporto con Assia, la quale confessa un segreto troppo a lungo taciuto, ma anche con se stesso. Nella casa di famiglia ritrova la chiave per essere Bruno e non più Martina e per dar spazio al suo sogno che sembrava ormai perduto.

Maria Mancusi descrive in maniera intensa il senso della vita per ognuno di noi, rappresentato dalla figura di Bruno, uomo pieno di sogni e speranze. Eclissare i suoi più grandi desideri, in vista di un'esistenza priva di serenità, è motivo di riflessione per ogni lettore.
Un romanzo che si apprezza per la profondità dei contenuti e la precisione nello scriverli.

Veronica

2 commenti:

  1. Credo sia una bella storia, pur non avendo letto il libro. E' la prova che spesso e volentieri, bisogna partire dalle origini per imparare a capirsi e rinascere...

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con te! Te lo consiglio vivamente, è davvero un libro che fa riflettere e lascia il segno...

    RispondiElimina