1 agosto 2013

Guardami di Jennifer Egan [Frasi]

Avrei mentito, naturalmente. Mentivo molto, e a ragione: per proteggere la verità. Per salvaguardarla, come se indossassi gemme finte per non farmi rubare quelle vere, o per non sminuire il valore facendone un uso eccessivo. Conservavo gelosamente la verità che possedevo, perché le informazioni non erano cose. Erano incolori, inodori, prive di forma, e dunque indistruttibili. Non c'era verso di ritirarle o invalidarle, impossibile arrestarne la proliferazione. Raccontare a qualcuno un segreto era come infilare del plutonio in un busta di plastica da freezer: l'informazione sarebbe inevitabilmente sopravvissuta all'amicizia o all'amore o alla sfiducia cui la si era affidata. E a quel punto era come averla svelata.
Abby Reece dice che lei è californiano’, disse la donna. ‘Ma dall'accento sembra straniero’. Mentalmente, Michael West le imprecò contro. Aveva un accento leggerissimo, se evitava le parole di cui non era pratico. Presto sarebbe scomparso del tutto. Certo, non aveva ancora sviluppato una voce tutta sua: il modo di formulare le frasi e di pronunciare le parole era copiato dalla tv e dalla gente che aveva intorno. La sua grammatica era prudente, ben studiata. Ma alla fine sarebbe venuta fuori anche una voce. Era sempre così. ‘Ho vissuto all'estero per tanti anni’, disse. […] Ovviamente, una scappatoia di questo genere sarebbe stata inutile in qualunque altra parte del mondo: le persone si identificavano a vicenda in base al dialetto, alla famiglia, all'accento. Ma in America, c'era sempre qualche altro posto.
Segui i tuoi desideri’, le disse, con una forza che sorprese perfino lui. Senz'altro sarebbe bastata come risposta, qualunque fosse la domanda: era il credo dell'innocenza, della cecità – della felicità infantile priva di dolore. Moose voleva quel tipo di felicità per Charlotte. Per lasciarla libera, voleva quello. Per abbandonarla ai piaceri ciechi e docili della vita normale, una vita che ormai riusciva a immaginare a malapena, e meno che mai a ricordare. ‘Sei giovane’, disse.‘Vai a divertirti! Prenditi il piacere ovunque lo trovi’. ‘Ma se la gente mi si rivolta contro?’, disse lei, ferma accanto a lui sotto gli alberi.‘Se ridono di me?

Nessun commento:

Posta un commento