2 ottobre 2013

Tutti mi danno del bastardo di Nick Hornby [recensione]

Tutti mi danno del bastardo
di Nick Hornby

Guanda Editore
pag.80
9 euro [formato cartaceo]
Uscito il 5 settembre 2013

La Lettrice Rampante, nel suo blog, ha mosso una critica davvero interessante sul nuovo - chiamiamolo - racconto lungo, o romanzo breve di Nick Hornby uscito in Italia il 5 settembre, a cura della Guanda Editore. Premetto che l'ho comprato in formato ebook perché l'ho trovato scontato. La mia riflessione sul quanto noi lettori siamo disposti a spendere per una copia digitale di un libro, continua a rimanere un tarlo a cui devo trovare in tutti i modi una soluzione. Avrei realmente speso 4,99 euro per 40 pagine scarse, anche se si parla di un grande autore? Probabilmente NO. Perché? Non so. Al contrario, ne avrei spese 9, sapendo che questo non è un romanzo di 300 pagine e l'editore l'ha pubblicato a 80, quando l'ebook - ripeto - non ne conta nemmeno la metà? Probabilmente no, un'altra volta! Avrei aspettato ... Che cosa? Che avesse un costo che corrispondesse al suo reale valore di mercato [quello che viene fatto passare a noi utenti "in offerta"]! Mi rendo conto che sto dando vita a una polemica che potrebbe diventare infinita. Ma oggi evito. 

Questa storia, mi ha fatto tornare in mente il famoso telefilm "Sex and the city", dove la fantastica Carrie Bradshaw tiene una rubrica su un giornale di New York e parla oltre che di Big, anche delle relazioni tra le persone. In questo caso, Charlie ed Elaine divorziano. Anche Elaine è una giornalista che ha deciso di mettere alla mercé di tutti il suo rapporto con il marito con un trafiletto intitolato "Bastardo". L'aspetto più inquietante è che, oltre a essere molto seguito, la moglie mostra al mondo intero tutti gli aspetti peggiori dell'uomo che le è stato accanto, enfatizzando le sue mancanze come padre dei loro figli, come compagno e come amante. Per lui è diventato un tormento uscire, andare a lavorare, fare la vita di sempre. Un conto è essere giudicati da una ex incaz..., ferita, piena di rancore e che ti vuole morto, un altro, è che anche chi legge provi le stesse sensazioni nei tuoi confronti.

"Tutti mi danno del bastardo" può essere raffigurato come una critica cinica e spietata - come solo Hornby sa fare - dell'invasione della privacy, che oggi, nella nostra società, grazie ai social network in particolare, è diventata una pratica comune, invasiva, consolidata. Lo sapevate che Monica Bellucci si è separata? Ne hanno parlato per giorni e giorni, insinuando addirittura che l'attrice avesse già un altro. Quello che voglio dimostrare con questi discorsi è la morbosità che proviamo nei confronti degli altri, indipendentemente dal fatto che li conosciamo o meno. Per poi erigerci a giudici insindacabili di gesti che non ci appartengono e non abbiamo il diritto di commentare perché non sappiamo mai realmente i motivi per il quale certe situazioni vanno in un modo invece che in un altro.

Come vi comportereste se le vittime foste voi? Vi sentireste impotenti? Avreste ancora il coraggio di uscire di casa? Vi sottemettereste al vostro aguzzino o reagireste a tale ingiustizia? Ringrazio ogni giorno di non essere così vendicativa nei confronti degli altri, dei miei ex in particolare. Ho imparato, nel corso degli anni, che la miglior arma per ferirli è l'indifferenza!

Insomma, questo racconto l'ho adorato. Mi è piaciuto lo stile con il quale Charlie ammette i suoi difetti e cerca di farsene una ragione, limitando i danni motivi, sia suoi che delle persone che gli stanno intorno, della madre in primis. Ve lo consiglio assolutamente!

Francesca

2 commenti:

  1. l'ho visto in libreria qualche settimana fa, ma, sinceramente, aspetto di trovarlo sugli scaffali della biblioteca perchè, per quanto mi piaccia Hornby (ho letto non buttiamoci giù e te lo consiglio se ancora non lo hai letto) 12 euro per un racconto lungo/romanzo breve mi sembrano davvero esagerati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto anni fa "Febbre a 90" e mi piacque tantissimo. Grazie per i consigli.

      Questo mi è piaciuto molto. L'unica nota di demerito è il prezzo. Appena te ne capita l'occasione, ti consiglio di leggerlo.

      Elimina