22 gennaio 2014

Il richiamo del Cuculo di Robert Galbraith [recensione]

Il richiamo del Cuculo
di Robert Galbraith

Salani editore
pag.464
ISBN-13 9788867156788
Uscito il 4 novembre 2013

Il richiamo del Cuculo è ambientato in una Londra più piovosa-caotica-affascinante che mai, alle prese con la morte di Lula Landry, la modella caduta misteriosamente dal balcone del maestoso condominio in cui abita. La polizia dopo aver aperto un'indagine, la chiude con l'insindacabile verdetto di suicidio. Tre mesi dopo, il fratello della vittima si presenta nello studio dell'investigatore privato Cormoran Strike, reduce di guerra, con una gamba sola, appena scaricato dalla storica fidanzata, pieno di debiti, al punto da dormire nel suo ufficio e infine figlio clandestino di una rockstar e una groupie morta per overdose, a cui affida il compito di scoprire la verità. Quest'aurea di negatività - voluta - però è solo mera apparenza, perché è il classico personaggio sottovalutato che entra di diritto in  quella serialità - ribadita anche in precedenza - che fa scattare la molla giusta per innamorarsene e volerlo ritrovare con tutta la sua sagacia, intelligenza, malinconia, intraprendenza tra le pagine. Ad aiutarlo c'è la sua nuova segretaria, la sveglia e professionale Robin, che dopo il primo disastroso incontro, si rivela il suo valido aiuto per la risoluzione del caso.

Ma chi è Lula? Perché è stata uccisa? Qual è il movente? Chi è stato?  Difficile ricostruire i fatti quando la stampa ne ha già parlato fino all'esasperazione, tanto da risultare impossibile estraniarsi da tale coinvolgimento mediatico e giudicare con obiettività. La modella del momento, dalla pelle color ebano e il corpo più perfetto che si potesse desiderare, perseguitata in maniera esasperante dai paparazzi e con un fidanzato stile Jonny Deep da giovane. Di lei si sa già tutto. Ti rimangono impresse le testimonianze delle varie amicizie, presunte e reali, e ciò porta a riflettere su quanto ognuno di noi, abbia una percezione del prossimo a prescindere dal bene o dal male che fa, dalla confidenza intima o generica che vi lega e infine dal tipo di rapporto che intrattenete. Bene, posso affermare con certezza che più qualcuno attesta di avere un ruolo nella tua vita, più vieni lasciato in balia di te stesso. Un po' come Lula... vittima del successo, della voglia di scoprire le sue origini, di persone che dipendevano più dalla luminosità che emanava che dalla persona che era, ovvero un'ex tossica, incline alla depressione.

Difficile parlare di questo giallo così accattivante senza svelare troppo la trama.  Un ennesimo esperimento riuscito alla perfezione, al di fuori dei confini della saga che l'ha fatta conoscere al mondo intero. "Il richiamo del cuculo" ha colpito nel segno. Soprattutto per quella narrazione non violenta, misurata, distribuita col contagocce fra la miriade di personaggi che popolano i romanzi della Rowling, che ti fa ritrovare il suo inconfondibile stile, quello che ti manca ogni volta che chiudi un suo libro.

Il finale è talmente geniale, che quando l'ho appoggiato sul comodino per andare a dormire, continuavo a ripetermi: - Non ci posso credere, assurdo... E in questo caso no, l'assassino non sono riuscita a capirlo fino all'ultimo.

Assolutamente consigliato

Francesca

6 commenti:

  1. Come ti avevo già accennato qualche giorno fa, non so perché ma non riesco a farmi venire voglia di leggere questo libro. Non so se è un discorso di aspettative, di incapacità mia di non fare confronti... fatto sta che ho proprio paura che non mi piaccia!
    Però le tue parole mi hanno un po' più convinta... e poi i gialli di questo genere solitamente mi piacciono. Quindi, prima o poi ci arriverò anche io! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni libro ha un suo periodo. Io aspettavo di leggerlo con ansia. Se ti metti a sbirciare le varie recensioni su internet... come ho fatto io, probabilmente non lo aprirai mai.

      Ti ritrovi comunque un giallo in puro stile Rowling... ricco di personaggi, particolari, eventi. Il finale è talmente assurdo che l'ho trovato una genialata pazzesca. Io te lo consiglio... e a questo punto poi voglio sapere cosa ne pensi

      Elimina
  2. Non amo particolarmente i gialli, ma alla mamma del mio adoro HP darò una possibilità, il prima possibile. :)

    RispondiElimina
  3. Adesso sono ancora più curiosa di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'obiettivo era proprio quello... Incuriosirvi ;P

      Elimina