6 marzo 2014

Le nostre luci di Ben Brooks [Frasi]


Le nostre luci
di Ben Brooks

Tradotto da Anna Mioni

ISBN edizioni
208 pagine
15 euro
ISBN 9788876382611
uscito il 29 settembre 2011
Credo che quando la gente si uccide, non lo faccia solo per sfuggire a un'incontenibile tensione emotiva. La gente lascia crescere la propria curiosità sulla morte finché non diventa molto più grande della propria incontenibile tensione emotiva. Probabilmente prima di morire vive una certa esaltazione. Come prima di scartare i regali di Natale, o prima di fare sesso con qualcuno di nuovo.
Dato che il Tempo esiste da molto tempo, spesso si annoia. Al fine di scacciare brevemente la sua noia, ogni tanto il Tempo si diverte a costruire catene di fatti altamente improbabili. Se questi fatti sono romantici li chiamiamo Destino e se sono negativi li chiamiamo Sfortunate Coincidenze.
- Io leggo la Torah. Leggo la Bibbia. Leggo il Corano. Stammi bene a sentire, non leggerli mai, chiaro?
- Ok.
- Sono solo quello che resta della parola di Dio dopo mille anni di telefono senza fili. Un telefono senza fili completamente allucinato. Hai mai giocato al telefono senza fili a scuola, Jaz?
- Certo, varie volte.
- La maestra comincia sempre con una frase normale, no? Poi ci sono dei bambini che la sentono benissimo dal bambino prima di loro, ma pensano che sarebbe divertente cambiarla, cazzo. 

1 commento:

  1. La frase sui libri sacri ed il telefono senza fili è sacrosanta

    RispondiElimina