20 maggio 2015

Presentazione del nuovo libro di Lidia Ravera: Gli Scaduti [presentazione al SalTo2015]

Incontro con Lidia Ravera in occasione della pubblicazione de Gli Scaduti


Che cos'è una distopia? Un genere di fantascienza a sfondo sociale, che descrive luoghi immaginari dove regnano sia benessere e serenità (utopia) che situazioni terrificanti in cui sono creati mondi futuri insopportabili. 
Lidia Ravera rappresenta una distopia generazionale in cui il punto focale è il destino degli anziani.
Partendo da una riflessione sul nostro presente e sulla crisi economica, che attanaglia giovani e vecchi, ribalta il luogo comune de "l'Italia non è un paese per giovani" riproponendolo come premessa del suo romanzo in maniera diametralmente opposta: "Non è un paese per vecchi, l'Italia".
Come sottolinea Chiara Valerio, spalla frizzante di questa presentazione, che ben collima con la stessa schiettezza dell'autrice, mai banale o presuntuosa, "il presente indicativo di Lidia Ravera è insopportabile perché non cambia". La società alternativa vede un partito unico al potere, che ha posto fine alla democrazia e ha instaurato una ideologia completamente costruita sulla rivoluzione senza spargimento di sangue.


Il mondo immaginato è nelle mani dei giovani di trenta, quarant'anni, quella fascia che nell'attualità non riesce a trovare il proprio posto e continua a sentirsi piccolo, anche se non lo è più. L'autrice si immedesima in un politico e mette al centro della sua ipotetica agenda il calvario vissuto da questa generazione: il punto di vista è neutrale, di chi analizza e pensa che sia necessario agire per trovare soluzioni e non solo giudicare e condannare. Un pensiero che sarebbe vincente se adeguatamente applicato.
L'opera è un atto di denuncia a questa nostra società, declinata all'ennesima potenza: la scadenza che tocca  ai sessantenni, chiamati anche rottamati, è crudele. Loro sono consapevoli di avere un termine preciso, in cui saranno prelevati e accompagnati ad abbandonare tutto, al fine di lasciare spazio ai privilegiati.

Lidia Ravera è una scrittrice che ha all'attivo ventinove pubblicazioni. Dimostra una personalità trascinante, delle idee schiette e ribelli, un messaggio che, in questa occasione, ha voluto condividere con tutti noi. Gli Scaduti è un libro che, dalle parole della stessa autrice, spaventa un po' per i chiari riferimenti al presente, per le incredibili verità che trasudano in questo mondo che dovrebbe essere frutto della fantasia.

L'invito che ho percepito da questo incontro è proprio quello di fantasticare, di immedesimarsi nelle infinite declinazioni del futuro, non lasciarsi sopraffare dall'oppressione di pochi che si sentono tutelati.
Un monito, accolto in questa storia che di fantascienza ha ben poco; una sorta di libello rivoluzionario, in grado di offrire ottimi spunti di riflessione. Durante l'incontro, è stato possibile verificarne gli effetti sui giovani trentenni, impersonati da Paolo di Paolo e Chiara Valerio, che ne hanno apprezzato il messaggio e con grande fervore lo hanno condiviso con il pubblico.

A breve, la recensione de Gli Scaduti

Veronica

Nessun commento:

Posta un commento