10 giugno 2015

Prendi la DeLorean e scappa AA. VV. a cura di Andrea Malabaila [recensione]

PRENDI LA DELOREAN E SCAPPA
di
AA. VV. a cura di Andrea Malabaila

Editore: Las Vegas edizioni
Collana: I Jackpot
Pagine: 164
ISBN: 9788895744322
Prezzo: € 12,00

Autori: Daniele Vecchiotti, Marco Candida, Davide Bacchilega, Giancula Mercandante, Vito Ferro, Elia Gonella, Gianluca Morozzi, Enzo Gaiotto, Claudio Morandini, Roberto Gagnor & Michela Cantarella, Manuela Giacchetta, Christian Mascheroni, Paolo Zardi, Daniele Pasquini, Giuseppe Sofo, Eva Clesis.

Racconti: Mutando, Tornare ad Aurora, Se conoscessimo la fine, non daremmo mai inizio a nulla, Fondali, Potessi tornare indietro, JVC GR-C1, Il futuro non è ancora scritto, Il piumato viaggio a Braemar, nelle Highlands scozzesi, Cupio dissolvi, Carlo Biffa e il banco formaggi del Bennet di San Martino Siccomario (PV), La quindicesima volta, L'ultimo Lettore, La promessa, Un uomo morto sul due e zero, Solo un attimo, Caro M.

Il 1985 è stata un anno pazzesco per l'uscita di pellicole indimenticabili, dei veri e propri cult, che, a distanza di tempo, riescono a far ridere, sognare ed emozionare come alla prima visione.
The Goonies: un gruppo di amici decide di seguire le indicazioni di una mappa misteriosa ritrovata in cantina per raggiungere il tesoro, in grado di salvare le loro case da due imprenditori senza scrupoli, con in mano un progetto per costruire un campo da golf.
St Elmo's Fire: gli intrecci personali dei sette protagonisti, appena laureati, che devono affrontare dilemmi ed errori di valutazione, di diversa entità, tipici dell'età, nei quali tutti possiamo identificarci.
The Breakfast Club: cinque adolescenti si ritrovano a trascorrere l'intero sabato in punizione a scuola. Tutti diversi tra loro, chi più, chi meno popolare, sono uguali nel profondo: si sentono incompresi dai genitori e la detenzione obbligatoria è l'occasione per aprirsi e mostrare come sono realmente, con persone ai loro occhi inaspettate. 
Cercasi Susan Disperatamente: un annuncio sul giornale, Jim alla ricerca della sua fidanzata, un'eccentrica rockstar impersonata da Madonna. Una casalinga disperata legge l'annuncio, si appassiona alla vicenda, viene scambiata per la famosa dispersa, ignara delle conseguenze.
Ce ne sarebbero molti altri, ma i citati sono i miei preferiti dell'anno in questione, insieme al capolavoro di Robert Zemeckins
Ritorno al futuro, protagonista della raccolta di racconti di Prendi la DeLorean e scappa.

Avere a disposizione un mezzo per viaggiare tra passato e futuro, partecipare a eventi ormai trascorsi e dare una sbirciatina a come saremo. Sarebbe un sogno, un sogno che si avvera. Cosa ci si deve aspettare da un libro che si pone come un modo per rivivere il film che tanto ci ha appassionato? L'opera è un vero e proprio omaggio alla trilogia, occasione per festeggiare l'uscita nelle sale di trent'anni fa. Doc e Marty hanno da subito centrato i cuori di noi tutti fan, che ancora oggi ci emozioniamo a rivedere i film e accogliamo favorevolmente ogni tipo di iniziativa per viverlo nuovamente. 
Il filo rosso che collega i diciotto racconti è il viaggio nel tempo: ciascun autore ha preso spunto da un aspetto chiave della pellicola, per creare storie originali, il cui il tocco personale ha permesso di immergersi in un mix di avventura, fantascienza, comicità, romanticismo e, perché no, anche una fase di malinconia, per ciò che è stato o poteva essere.
In Tornare ad Aurora, il protagonista, dopo un duro lavoro di studio, architetta il mezzo in grado di riportarlo indietro nel tempo, per salvare la moglie dalla morte e poter assaporare una nuova vita che mai avrebbe avuto nel presente. 
Leonard Cohen viene rapito in Il futuro non è ancora scritto: del suo talento come compositore se ne appropria il personaggio principale, che racconta in prima persona di come ha avuto successo nel dare alla luce album famosissimi, rendendo popolari brani non ancora usciti.
In Cupio dissolvi, un ragazzo depresso e incapace di relazionarsi col mondo, decide di tornare nel passato per impedire l'incontro dei suoi genitori e così il suo concepimento.
Con L'ultimo lettore, l'autore ricrea un futuro in cui non si legge più, un futuro nostalgico, dove si omaggiano alcuni personaggi celebri della letteratura.
Per i tifosi della Fiorentina, una storia che vede trionfare la squadra del cuore con l'acerrima nemica, la Juventus, con gli occhi di chi vive e soffre durante le stagioni calcistiche. Titolo emblematico: Un uomo morto sul due a zero.
Questi solo alcuni estratti di un'antologia che si lascia avvicinare grazie a un cult famosissimo, per poi offrire molto di più, proprio perché si colloca come originale per la creatività di così tante penne che riescono a collimare perfettamente e dall'altra come un classico per la cura, l'attenzione e l'armonia nel rendere in poche battute e attimi fugaci, gli incontri e le azioni dei protagonisti di ogni singola narrazione.
Gli anni Ottanta esercitano un fascino particolare, soprattutto quando si assaporano in film e libri, anche per chi non ha vissuto in quegli anni: abiti, accessori, atmosfere, persone, tutto assume un alone magico. Con un pizzico di fantasia, catapultiamoci in diversi universi temporali, alla scoperta di un'epoca irresistibile, così carica di aspettative nell'immaginario collettivo, aspettative che saranno piacevolmente ripagate.

Veronica

Nessun commento:

Posta un commento