10 aprile 2017

Un albero al contrario di Elisa Luvarà [recensione]

UN ALBERO AL CONTRARIO
di
Elisa Luvarà

Casa editrice: Rizzoli
Collana: Rizzoli narrativa
Pagine: 319
Prezzo: € 18,50
ISBN: 9788817093590

Ginevra ha undici anni quando entra in comunità, dopo una brutta esperienza con una famiglia affidataria. La sensazione che prova è di sollievo. Sollievo dopo l'ennesima delusione. I suoi genitori, quelli veri, sono un vero casino: la madre non distingue la realtà dall'immaginazione, non riesce a restare concentrata e non è in grado di crescere una bambina; il padre la vede come un peso, ma non vuole essere giudicato come una persona insensibile e crudele, perciò continua, a modo suo, a farsi vedere da Ginevra, senza fornire nessun contributo significativo.
Le attenzioni, i gesti, il modo di fare accogliente dell'educatrice, la signora Tilde, sono una novità. Non manca la paura per i nuovi compagni; saranno amichevoli o aggressivi verso la nuova venuta?

"Da qualche parte avevo sentito che non esistono bambini davvero cattivi". 

E quei bambini sono come lei: hanno genitori instabili, desiderano essere amati, vogliono credere di avere una possibilità.
Agape, undici anni, sensibile, gentile, premuroso, un ascoltatore silenzioso. L'incontro con il suo vero padre lo porta a esternare tanta rabbia e a cambiare completamente atteggiamento verso gli altri e verso se stesso. Continua, nonostante tutto, a mantenere un legame speciale Gin.
Verde ha solo la bisnonna, adora le belle cose ed è convinta che nella sua stanza si aggiri un fantasma, la cui presenza è stata abilmente inventata da Agape. Con loro due si instaura il rapporto più forte.

"Mi resi conto degli sforzi immensi che avevo compiuto negli ultimi anni per torcermi deformarmi e prendere delle sembianze che la mamma affidataria avrebbe desiderato per me. Vivere con quei bambini non mi sembrava un'impresa altrettanto faticosa. Con loro, pensai, non era necessaria alcuna trasformazione". 

Per Ginevra, l'arrivo in comunità è sinonimo di nuovo inizio; sente dentro di sé una sensazione di risveglio, una grande voglia di buttarsi in nuove avventure: 

"Volevo entusiasmarmi parlando di mummie disseppellite, del potere di alcuni minerali e di storie di paura, ma anche cominciare un diario, affezionarmi a un argomento e approfondirlo, iniziare una collezione di oggetti rarissimi".

Ginevra si porta dietro un fardello fatto di delusioni e solitudine. I suoi segreti sono custoditi gelosamente e aprirsi agli altri, provare fiducia verso le persone, non è semplice. L'affetto della signora Tilde, le chiacchiere e gli scambi con i compagni, anche loro con i loro demoni da affrontare, sono la sua occasione di rinascita. Finalmente, sente di aver trovato una famiglia, non convenzionale, ma sicuramente piena d'amore, pronta a darlo e riceverlo.
Un libro toccante, sincero e carico di speranza, che ho apprezzato moltissimo, soprattutto nella scelta delle parole da parte dell'autrice per descrivere e caratterizzare luoghi, personaggi e situazioni. 
Una storia che vuole emozionare, coinvolgere, a tratti divertire, senza intristire.
Esplicativa la metafora di Un albero al contrario, immagine che la protagonista utilizza per definire se stessa: un albero che non affonda le radici e riceve nutrimento dalla terra; le radici sono esposte verso l'alto, al vento e alle intemperie, e attendono il passaggio ristoratore degli uccellini di passaggio. 
Consigliato!

Veronica

Nessun commento:

Posta un commento